Skip Navigation

COVID-19: thyssenkrupp Home Solutions ti accompagna senza interruzioni nel rispetto delle numerose misure di sicurezza in vigore. Clicca qui per maggiori informazioni

Le attività per un cervello in salute

Con l'aumentare dell'aspettativa di vita, le persone anziane sono sempre più colpite da malattie neurodegenerative, le quali possono far insorgere disturbi cognitivi che spesso portano all'isolamento. Per far fronte a questo fenomeno, è importante stimolare il cervello e incoraggiare gli anziani a vivere una vita sociale attiva: qui potrete trovare alcuni suggerimenti per permettere loro di mantenere o ricostruire legami interpersonali e quindi di sviluppare le capacità cognitive.

Stimolazione cognitiva: quali sono i vantaggi?

Con l’andare del tempo, le capacità cognitive tendono a diminuire: l'invecchiamento non solo colpisce il corpo rendendo sempre più difficile l'esercizio fisico, ma danneggia anche il cervello, in particolare la memoria.

Privilegiare una sana alimentazione, dormire bene la notte, evitare di bere o fumare ed eseguire attività fisica adeguata al proprio stato di salute: tutto ciò sembra basilare, ma è la chiave che permette di rallentare la perdita di autonomia e di prevenire le malattie come Alzheimer . Uno stile di vita sano è essenziale.

Dalla pensione, la vita sociale e professionale diviene molto meno interessante e si riduce notevolmente. Per preservare il corretto funzionamento di tutte le capacità percettive, siano esse visive, uditive o anche spaziali, è auspicabile mantenere attivo il cervello. Allenare il proprio cervello può non essere affatto un compito sgradito: attività divertenti come cruciverba, sudoku, lettura e giochi di carte sono più che sufficienti per stimolare le funzioni cognitive e favorire al tempo stesso l'interazione sociale. Indipendentemente dall'età infatti, gli hobby e il coinvolgimento in nuove attività consentono di arricchire e mantenere al meglio le facoltà intellettuali.

Divertimento e occasioni di incontro per proteggere la salute mentale

Molte persone anziane sono colpite dal fenomeno dell'isolamento sociale e questo può portare anche ad alterazioni a livello cerebrale (depressione e persino demenza). E’ in questo senso che ci vengono in aiuto le attività ludiche le quali, come accennato in precedenza, contribuiscono alla stimolazione cognitiva poiché danno modo di mantenere i legami sociali.

Non c'è bisogno di fare sport ad alta intensità per mantenere la forma fisica e mentale: danza, ciclismo, ginnastica, yoga, camminata, nuoto forniscono molte sensazioni positive come:

  • Miglioramento di mobilità ed equilibrio
  • Mantenimento in buona salute di cuore, muscoli e articolazioni
  • Maggiore attenzione e capacità mnemonica
  • Padronanza del proprio corpo e, di conseguenza, fiducia in se stessi

Un’altra risorsa può essere dedicarsi alla musica suonando uno strumento: la gamma tra cui scegliere è ampia e ci sono diverse tipologie di apprendimento, per esempio con o senza teoria musicale, studio in autonomia o con un insegnante ...Anche con la musica i benefici che si possono ottenere sono altrettanto grandi: capacità di interpretazione e di immedesimazione, di ascolto, miglioramento delle capacità motorie e sensazione di benessere perché la musica spesso crea una bolla rilassante.

Altre attività utili a mantenere in buono stato il nostro apparato sensoriale possono essere i laboratori di cucito, di giardinaggio o persino di cucina. Oltre ad incentivare la creatività dei partecipanti, aiutano a stimolare il cervello, la capacità di attenzione e importanti competenze come la coordinazione oculo-manuale o la capacità di taglio. Ma qui sono soprattutto il benessere e l'autostima a meritare attenzione perché le persone sono orgogliose di coltivare pomodori, confezionare vestiti o cucinare piatti con le proprie mani. Coloro che operano nel campo della salute e del benessere degli anziani e molte case di accoglienza pensate per loro, organizzano seminari di questo tipo per stimolare e intrattenere i propri residenti nel miglior modo possibile.

Non dimentichiamo poi altre opportunità per riunirsi e partecipare a varie attività come il prestare servizio di volontariato in associazioni e il frequentare club per anziani o centri ricreativi: ciò consente un reale mantenimento dei legami sociali, indispensabili per il buon invecchiamento.

Infine, qualunque sia l'attività scelta e praticata, il nostro cervello sarà sempre sollecitato e godrà di reali benefici soprattutto quando tale possiamo incontrare persone e stringere legami sociali. Questa è salute mentale.

Torna su